Detti siciliani divertenti

Detti siciliani divertenti

Proverbi siciliani

Proverbi siciliani


– A megghiu parola è chidda ca nun si dici.
La parola migliore è quella che non si dice

– A tempu ri caristia, ogni funtana leva a siti.
In momento di grave bisogno, ogni fontana leva la sete

– Amici e Parenti nun vinniri e nun accattari nenti
Con amici e parenti non vendere e non comprare niente

– A jatta priscialora fici i jattareddi orbi.
La gatta frettolosa fece i gattini ciechi




– Babbaluci, fungi e granci spenn’assai e nenti mangi
Lumache, funghi e granchi, spendi molto e niente mangi

– Chista è a zita, cu a voli sa marita
La fidanzata è questa, chi la vuole se la sposa

– Curri quantu vuoi ca sempri cà t’aspittu.
Corri quanto vuoi che sempre qua ti aspetto.

– Cu accatta abbisogna di cent’occhi; cu vinni d’unu sulu.
Chi compra ha bisogno di cento occhi; chi vende di uno soltanto

– Cu è riccu d’amici è poveru di vuài
Chi ha tanti amici passa pochi guai

– Cu’ asini caccia e fimmini criri, faccia di paradisu nun ni viri
Chi segue gli asini e crede alle donne, non vedrà il paradiso

– Cu’ nesci, arrinesci.
Chi lascia il proprio paese, trova fortuna

– Cianta arburi ‘nmienzu la vigna, si nun pigli frutta cogli ligna.
Pianta alberi in mezzo alla vigna, se non raccogli la frutta almeno cogli la legna

– Cu avi lingua passa u mari
Chi ha lingua attraversa il mare

– Cu avi sordi campa filici e cu nunn’avi perdi l’amici
Chi ha soldi vive felice e chi non ne ha perde gli amici

– Cu fà, fa ppid’iddu.
Chi fa qualcosa lo fa per se stesso

– Cu prattica lu zoppu, a l’annu zuppìa
Chi va con lo zoppo entro l’anno zoppica

– Cu si vardau si sarvau
Chi si guardò le spalle si salvò

– Cu ti voli beni ti fa chianciri, e cu ti voli mali ti fa arridiri
Chi ti vuol bene ti fa piangere, e chi ti vuol male ti fa ridere

– Ci dissi lu surci a la nuci: rammi tempu ca ti perciu! Rispunni la nuci a lu surci: ‘chiu tempu passa e ‘chiù dura mi fazzu!
Disse il topo alla noce: dammi tempo che prima o poi ti apro! Rispose la noce al topo: più tempo passa e più dura divento!

– Fa’ beni a jatta ca ti ratta!
Fai bene alla gatta e lei ti gratta

– Fa’ beni e scordatillu, fà mali e pensaci.
Fai del bene e dimenticalo, fai del male e pensaci

– I picciriddi annu a parrari sulu quannu piscia a jaddina.
I bambini devono parlare solo quando fa pipì la gallina.

– Li corna su’ comu li denti, dòlinu quannu spùntanu, ma poi sèrvinu pi’ manciari.
Le corna sono come i denti, fanno male quando spuntano ma poi servono per mangiare.

– Li difetti di la zita s’ammuccianu cu la doti
I difetti della fidanzata con la dote scompaiono

– L’omu gilusu mori curnutu
L’uomo geloso muore cornuto

– Nun ti pigghiu si nun t’assumigghiu
Non ti prendo se non ti assomiglio

– Ogni cani è liuni a la sò casa
Ogni cane nella propria casa si sente un leone

– Quannu a codda è ruppa ruppa, ci va ‘nto menzu cu nun ci curpa
Quando la corda è piena di nodi, ci finisce in mezzo ci non ha colpa

– U cani muzzica sempre u spardatu
Il cane morde sempre il povero

– ‘U vientu ci vole ‘nta chiesa, ma no ‘ca ha astutàri i cannila
Il vento ci vuole in chiesa, ma non tanto da spegnere le candele

Fonte http://it.wikiquote.org/

Tags: , , , , ,

prestiti online mutui